Album di Venezia Album di Venezia - fotografie
Seleziona il tipo di scheda
Condizione 1
Condizione 2
Condizione 3
Condizione 4
Condizione 5
Filtro raccolta
Ordina per
Schede trovate: 21855
| | | | | | | | | | | |
Soggetto: Venezia, Castello, S. Elena, scuola elementare e pineta. La toponomastica e la numerazione dell’Isola di Sant’Elena non seguono quelle del resto della città: solo qui troviamo viali, mentre i numeri civici sono indipendenti per ciascuna calle. Dopo la fine della prima guerra mondiale, la zona cominciò a rifiorire, spopolata ed in totale abbandono a seguito dell’invasione napoleonica. Grazie ai progetti di recupero affidati agli architetti Duilio e Giuseppe Torres, Giulio Alessandri e all’ingegnere Fausto Finzi, la barena circostante l’isola, trasformata da anni in sacca e successivamente utilizzata come zona di addestramento per i militari, venne bonificata ed urbanizzata e vennero edificate case e palazzine, costruiti viali, progettati giardini e parchi, costruendo, in pratica, un intero quartiere dal nulla.
Fotografo:
Archivio Fotografico Urbanistica||Dettaglio
Data ripresa: 1963/04
Luogo ripresa: Italia, Veneto, VE, Venezia, Castello, Sant' Elena
Fondo: Fondo Archivio fotografico Urbanistica - Comune di Venezia/ Urbanistica
Soggetto: Venezia, Castello, S. Elena, pineta vista dal bacino san Marco, imbocco canale dei Giardini. La toponomastica e la numerazione dell’Isola di Sant’Elena non seguono quelle del resto della città: solo qui troviamo viali, mentre i numeri civici sono indipendenti per ciascuna calle. Dopo la fine della prima guerra mondiale, la zona cominciò a rifiorire, spopolata ed in totale abbandono a seguito dell’invasione napoleonica. Grazie ai progetti di recupero affidati agli architetti Duilio e Giuseppe Torres, Giulio Alessandri e all’ingegnere Fausto Finzi, la barena circostante l’isola, trasformata da anni in sacca e successivamente utilizzata come zona di addestramento per i militari, venne bonificata ed urbanizzata e vennero edificate case e palazzine, costruiti viali, progettati giardini e parchi, costruendo, in pratica, un intero quartiere dal nulla.
Fotografo:
Archivio Fotografico Urbanistica||Dettaglio
Data ripresa: 1963/04
Luogo ripresa: Italia, Veneto, VE, Venezia, Castello, Sant' Elena
Fondo: Fondo Archivio fotografico Urbanistica - Comune di Venezia/ Urbanistica
Soggetto: Venezia, Castello, S. Elena, pineta vista dal bacino san Marco. La toponomastica e la numerazione dell’Isola di Sant’Elena non seguono quelle del resto della città: solo qui troviamo viali, mentre i numeri civici sono indipendenti per ciascuna calle. Dopo la fine della prima guerra mondiale, la zona cominciò a rifiorire, spopolata ed in totale abbandono a seguito dell’invasione napoleonica. Grazie ai progetti di recupero affidati agli architetti Duilio e Giuseppe Torres, Giulio Alessandri e all’ingegnere Fausto Finzi, la barena circostante l’isola, trasformata da anni in sacca e successivamente utilizzata come zona di addestramento per i militari, venne bonificata ed urbanizzata e vennero edificate case e palazzine, costruiti viali, progettati giardini e parchi, costruendo, in pratica, un intero quartiere dal nulla.
Fotografo:
Archivio Fotografico Urbanistica||Dettaglio
Data ripresa: 1963/04
Luogo ripresa: Italia, Veneto, VE, Venezia, Castello, Sant' Elena
Fondo: Fondo Archivio fotografico Urbanistica - Comune di Venezia/ Urbanistica
Soggetto: Venezia, Castello, S. Elena, pineta vista dal bacino san Marco. La toponomastica e la numerazione dell’Isola di Sant’Elena non seguono quelle del resto della città: solo qui troviamo viali, mentre i numeri civici sono indipendenti per ciascuna calle. Dopo la fine della prima guerra mondiale, la zona cominciò a rifiorire, spopolata ed in totale abbandono a seguito dell’invasione napoleonica. Grazie ai progetti di recupero affidati agli architetti Duilio e Giuseppe Torres, Giulio Alessandri e all’ingegnere Fausto Finzi, la barena circostante l’isola, trasformata da anni in sacca e successivamente utilizzata come zona di addestramento per i militari, venne bonificata ed urbanizzata e vennero edificate case e palazzine, costruiti viali, progettati giardini e parchi, costruendo, in pratica, un intero quartiere dal nulla.
Fotografo:
Archivio Fotografico Urbanistica||Dettaglio
Data ripresa: 1963/04
Luogo ripresa: Italia, Veneto, VE, Venezia, Castello, Sant' Elena
Fondo: Fondo Archivio fotografico Urbanistica - Comune di Venezia/ Urbanistica
Soggetto: Venezia, Castello, S. Elena, pineta vista dal bacino san Marco. La toponomastica e la numerazione dell’Isola di Sant’Elena non seguono quelle del resto della città: solo qui troviamo viali, mentre i numeri civici sono indipendenti per ciascuna calle. Dopo la fine della prima guerra mondiale, la zona cominciò a rifiorire, spopolata ed in totale abbandono a seguito dell’invasione napoleonica. Grazie ai progetti di recupero affidati agli architetti Duilio e Giuseppe Torres, Giulio Alessandri e all’ingegnere Fausto Finzi, la barena circostante l’isola, trasformata da anni in sacca e successivamente utilizzata come zona di addestramento per i militari, venne bonificata ed urbanizzata e vennero edificate case e palazzine, costruiti viali, progettati giardini e parchi, costruendo, in pratica, un intero quartiere dal nulla.
Fotografo:
Archivio Fotografico Urbanistica||Dettaglio
Data ripresa: 1963/04
Luogo ripresa: Italia, Veneto, VE, Venezia, Castello, Sant' Elena
Fondo: Fondo Archivio fotografico Urbanistica - Comune di Venezia/ Urbanistica
| | | | | | | | | | | |
LEGENDA SIMBOLI
Fotografie Fotografie Video Video

ALBUM DI VENEZIA ::Homepage ::Credits Powered by SICAPWeb CG Soluzioni Informatiche
Valid XHTML 1.0 TransitionalValid CSS! Vai al sito www.venis.it