Sezione Archivio fotografico
Se vuoi iniziare una ricerca all'interno
dell'Album entra in questa sezione
Inizia la ricerca in archivio Inizia la ricerca in archivio
 
Invia la tua fotografia
Se vuoi inviare le tue foto da inserire
nell'Album entra in questa sezione
Spedisci le tue foto Spedisci le tue foto
Fotografi veneziani | Giuseppe Crepaldi
 
Sei in » Album di Venezia » Fondi fotografici » Fotografi e agenzie
 


Giuseppe Crepaldi
FOTOGRAFO GIUSEPPE CREPALDI

Accadde tutto velocemente: il diploma di perito chimico, l’assunzione alla Società Italiana Chimica, poi Sicedison di Porto Marghera, il trasferimento a Venezia e l’incontro con la fotografia: era il 1960. Giuseppe Crepaldi, classe 1941, nasce a Villanova Marchesana, che all’epoca conta poco più di 3000 anime.Un borgo sorto alle spalle della chiesa parrocchiale edificata sul ciglio del fiume dove, da mezzo millennio, la casa della fede veglia sul Po. Ha vent’anni quando l’incontro con Enzo Chiurlotto, chimico e socio della prim'ora del circolo fotografico veneziano “La Gondola, gli apre la via dell’impegno fotoamatoriale. Chiurlotto, assieme a un gruppo di soci tra i più dinamici de La Gondola è coinvolto nella diaspora che nel 1961 sfocerà nella fondazione del circolo fotografico “Il Ponte”. È l’occasione per Crepaldi di confrontarsi con una generazione di fotoamatori appassionati e irrequieti decisi a dimostrare che la fotografia ha una parte significativa nell’impegno corale richiesto dalla rinascita postbellica.


 
 
Percorsi d'autore

 





A distanza di 10 anni dall’esondazione, il Polesine più volte invaso dalle acque, non era solo il proprio paese natale, ma anche il simbolo d’una disuguaglianza economica e sociale che non apparteneva solamente al meridione d’Italia. “Tera e acqua, aqua e tera, da putini che da grandi. Siora tera, ai so comandi, siora aqua, bonasera” recita l'incipit d'un canto scritto e composto nei giorni in cui, nel 1961, si decise la sospensione dell'estrazione del gas metano dal sottosuolo Padano per arrestarne la subsidenza. Giuseppe Crepaldi si misura con l'ambiente che più gli è famigliare, con la vicenda che più gli appare anacronistica negli anni del “miracolo economico”, e tra il 1961 e il 1963, sistematicamente, riprende l'ambiente e le persone della sua Villanova Marchesana. Oggi Giuseppe Crepaldi ci restituisce quelle immagini, ed è un ritorno felice, atteso come altri ritorni che, sempre con maggio frequenza, fanno riemergere quella straordinaria rete di amatori dlela fotografia con la loro passione e la loro determinazione nel raccontare l'Italia del secondo dopoguerra.




 

Organizzazione data creazione: 9 giugno 2016

 
Home page Album di Venezia
Informazioni sul diritto d'autore - Accessibilità - COOKIE POLICY
© Powered by EasyNETcms
CG Soluzioni Informatiche

ELVIS Elettronica
Vai al sito di Venis