Sezione Archivio fotografico
Se vuoi iniziare una ricerca all'interno
dell'Album entra in questa sezione
Inizia la ricerca in archivio Inizia la ricerca in archivio
 
Invia la tua fotografia
Se vuoi inviare le tue foto da inserire
nell'Album entra in questa sezione
Spedisci le tue foto Spedisci le tue foto
Archivio del Ricordo | Biografia di Furio Percovich
 
Sei in » Album di Venezia » Archivi della Memoria » Archivio del Ricordo » Archivio dei testimoni
 


Furio Percovich

    scheda 487
PERSONA
Persona Furio Percovich
 
DATI PERSONALI
Nazionalità italiana
Luogo di nascita Fiume
Data di nascita 08/07/1933
Professione Pensionato
Stato di residenza Uruguay
Città di residenza Montevideo
 
NOTA BIOGRAFICA
Nota biografica Furio Percovich nasce a Fiume l'8 luglio 1933, dove frequenta le scuole dell’obbligo fino il 1947. Il 4 marzo 1949 lascia Fiume con la famiglia, che ha deciso per l’esodo, e raggiunta Trieste, alloggiano presso lo zio Ignazio Rusich. Visti inutili i primi tentativi di ottenere lavoro, il padre decide di seguire la trafila dei Campi Profughi e, registratosi presso il Comitato Fiumano di Trieste, viene inviato con la famiglia al Campo di smistamento profughi di Udine, dove dal 30 aprile 1949 riceve un sussidio. Da Udine vengono trasferiti al Centro raccolta profughi di Latina, con una sosta di un paio di giorni al Centro raccolta profughi allestito a Cinecittà a Roma. A Latina rimangono circa due mesi. Nonostante i numerosi tentativi, il padre non riesce a trovare lavoro e quindi decide di tornare a Gorizia, da un fratello. Tramite il suo ex datore di lavoro, l’ingegnere Tassilo Ossoinack, il padre viene presentato a Luigi Ossoinack, già titolare de “La Marittima”, agenzia di forniture navali e di un pastificio a Fiume, “nazionalizzate” dopo il 1945. Imprenditore ricco di iniziative, aveva deciso di emigrare in Uruguay e rifondare a Montevideo il pastificio fiumano. Nel frattempo la famiglia Percovich aveva ottenuto di essere accolta dall’ I.R.O. (International Refugee Organisation) ente delle Nazioni Unite. Trascorrono quindi circa otto mesi nel Centro raccolta profughi di Servigliano, allora provincia di Ascoli Piceno, nelle vicinanze di Fermo. Dopo alcuni viaggi preliminari a Genova al Consolato dell’Uruguay per visite mediche e altro, il 6 luglio del 1950, con un paio di bauli e qualche valigia, la famiglia Percovich si imbarca sulla motonave “Andrea Gritti” della Compagnia di Navigazione “SIDARMA”. Furio a Montevideo lavora dal 1950 al 1955 presso il Pastificio "Adria"e dal 1956 al 1993 presso la "Banca Francese e Italiana per l’America del Sud". Nel 1994 è co-fondatore del "Circolo Giuliano dell'Uruguay" composto da emigrati dalla Venezia Giulia ed esuli istriani, fiumani e dalmati. Vive a Montevideo.
 
RELAZIONI DIRETTE
scheda BDI Intervista a Furio Percovich
scheda F  Fondo Furio Percovich



 

data creazione: 14 febbraio 2014

 
Home page Album di Venezia
Informazioni sul diritto d'autore - Accessibilità - COOKIE POLICY
© Powered by EasyNETcms
CG Soluzioni Informatiche

ELVIS Elettronica
Vai al sito di Venis