Sezione Archivio fotografico
Se vuoi iniziare una ricerca all'interno
dell'Album entra in questa sezione
Inizia la ricerca in archivio Inizia la ricerca in archivio
 
Invia la tua fotografia
Se vuoi inviare le tue foto da inserire
nell'Album entra in questa sezione
Spedisci le tue foto Spedisci le tue foto
Fotografi veneziani | Fotografo Carlo Mantovani
 
Sei in » Album di Venezia » Fondi fotografici » Fotografi e agenzie
 


Carlo Mantovani
CARLO MANTOVANI

Nasce a Venezia nel 1915.
Nel 1927 inizia a fotografare il giardino della sua casa e sviluppa i primi interessi per la foto naturalistica che lo porterà, in età matura, ad iscriversi alla Società veneziana di Scienze naturali e ad approfondire questo tipo di fotografia.
Nel 1950 aderisce al Circolo fotografico “La Gondola” frequentando Paolo Monti, Berengo Gardin, Fulvio Roiter, Bruno Bruni, Gino Bolognini e Giuseppe Bruno, col quale stringerà un rapporto duraturo d’amicizia e di scambi formativi.
Nel 1961 con Berengo Gardin, Carlo Trois, Paolo Magnifichi e Giuseppe Bruno fonda il Circolo fotografico “Il Ponte”.
Espone durante tutti gli anni ’50 in molte città europee tra cui: Parigi, Bordeaux, Charleroi, Ausstellung, Novi Sad, Varsavia, Nizza, San Sebastian.
Sue fotografie sono nelle collezioni americane e tedesche: Museum of Fine Arts di Houston e Museo d’Arte “Subjektive” di Monaco.
Ha viaggiato in diversi paesi europei sempre documentando gli aspetti del paesaggio, dei monumenti e della vita sociale dei luoghi che ha visitato.
Sue fotografie sono pubblicate in cataloghi, libri, riviste specializzate e giornali.
Di Carlo Mantovani - pur partecipando ad importanti mostre fotografiche in Europa ed America, e nonostante alcune sue fotografie siano state acquistate da gallerie e musei americani e tedeschi – è stato scritto pochissimo. Italo Zannier, ben consapevole delle sue qualità, lo definisce un fotografo che “ha fatto la storia della fotografia del dopoguerra” (Fotostorica n. 27/28 Giugno 2004).
Per rendere merito al suo lavoro nel Giugno 2007, all’interno della rassegna “Fotografi veneziani” presso la Scuola dei Calegheri a Venezia, sono stati presentati alcuni suoi scatti ed è stata pubblicata, a cura dell’Archivio della Comunicazione, una monografia a tiratura limitata.


 
 
Consulta i percorsi tematici

 





Quando nel maggio 1954 il Consiglio di amministrazione dello Stucky - che nel 1952-53 ha già licenziato una ventina di operai - annuncia per il giugno successivo la definitiva chiusura dello stabilimento, i circa trecento dipendenti decidono all'unanimità l'occupazione a tempo indeterminato e si asserragliano nel "castello". Costituiscono quindi un Comitato di gestione per organizzare i diversi aspetti della vita nella fabbrica occupata: dalla difesa contro eventuali tentativi di sgombero da parte della Celere ai passatempi per gli occupanti.

Continua a leggere

Esposizione giugno 2008 presso Casa della memoria e della storia del Novecento veneziano - Villa Hériot, Giudecca





 

Organizzazione data creazione: 4 agosto 2010

 
Home page Album di Venezia
Informazioni sul diritto d'autore - Accessibilità - COOKIE POLICY
© Powered by EasyNETcms
CG Soluzioni Informatiche

ELVIS Elettronica
Vai al sito di Venis